Alimentazione e osteoporosi

La dieta per l’osteoporosi è un regime alimentare finalizzato a prevenire questa patologia dello scheletro, tipica (ma non esclusiva) delle donne in terza età.

Come combatterla? È necessaria una buona prevenzione, da iniziare già nell’età dello sviluppo attraverso un’alimentazione equilibrata che possa agire per fortificare al meglio le nostra ossa.

E’ opportuno assumere un sufficiente apporto di calcio, vitamine e proteine.

Inoltre, anche l‘attività fisica, soprattutto di tipo motorio-sportivo, esercita uno stimolo meccanico sulle ossa, che vengono sollecitate a crescere e a mantenere una certa densità o compattezza.

 

alimentazione e osteoporosi

 

Consigli nutrizionali:

– Favorire il consumo di cibi ricchi di calcio; soprattutto latte e derivati. Consumando il latte e i derivati, si raggiunge una quota soddisfacente anche di fosforo, raramente carente ma comunque importante;

– Promuovere il consumo di cibi ricchi di vitamina D; questa è presente nel fegato, soprattutto di pesce come quello di merluzzo, nell’olio che se ne ricava, nel tuorlo d’uovo e nei funghi;

– Importante anche la vitamina K1: è ampiamente distribuita negli alimenti di origine vegetale e soprattutto di tipo a foglia o a fiore come: spinaci, lattuga, broccoli, cavolo, cavolini di Bruxelles, cime di rapa ecc;

– Assicurarsi un apporto sufficiente di magnesio. Anche questo minerale partecipa all’osseificazione. Il magnesio possiamo trovarlo nei semi oleosi (noci, nocciole, mandorle ecc), nei legumi (fagioli, lenticchie, piselli, ceci ecc), nei cereali integrali e in altri vegetali;

Consumare una quantità adeguata di alimenti fortemente proteici: ad esempio, limitare la porzione delle pietanze a base di carne a 100 g, di salumi a 50 g, di prodotti della pesca a 150 g, di formaggi stagionati a 50 g, di formaggi freschi a 100 g, di latte e yogurt a 125 ml, di uova a 50 g (numero 1).

 

alimentazione e osteoporosi

 

Alimenti sconsigliati:

Alimenti ricchi di sale, poiché una dieta troppo ricca di sodio aumenta la perdita di calcio con le urine;

Una dieta troppo ricca di proteine;

Cibi integrali: un elevato consumo di cibi integrali e di integratori a base di crusca diminuisce l’assorbimento intestinale di calcio;

Caffè e caffeina;

Alcolici: il consumo di alcolici diminuisce l’assorbimento di calcio e riduce l’attività delle cellule che “costruiscono l’osso”;

– Prestare particolare attenzione anche a frutta e verdura, poiché sono cariche di potassio, funzionale nel ridurre il riassorbimento osseo.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Cefalea

dolore che interessa la regione cranica

Sindrome feto-alcolica

è considerata la più grave conseguenza del consumo di alcol in gravidanza; all’etanolo, infatti, è attribuito un effetto teratogeno, dunque capace di

Test e analisi disponibili

Nutrizione

Per visita nutrizionale e vIsita nutrizionale sportiva

Endocrinologia

Per visita endocrinologica e ecografia

Test Genetici

Calorometria e bioimpedenziometrico

Test Metabolici Funzionali

Test costo energetico Test vo2max

C.Bogani

Sport Performance Lab