Prostatite: qual è la giusta alimentazione?

La prostata è una ghiandola esocrina che fa parte dell’apparato riproduttore maschile.

Questa è soggetta, prevalentemente con l’avanzare dell’età ma non solo, ad infiammazioni che possono essere causate da batteri (prostatite infettiva) o da disfunzioni come ristagno di sangue o accumulo di secrezione (prostatosi o prostatite abatterica).

Questa patologia può essere sia acuta che cronica, le due forme sono caratterizzate da differente sintomatologia; nel primo caso si ha: febbre, malessere generalizzato, ritenzione acuta d’urina, urine torbide, dolore peri renale o lombare, dolore testicolare e disturbi della minzione mentre la prostatite cronica si manifesta con: dolore, spesso febbre (ma solo nel caso di quella infettiva), senso di pesantezza in sede peri renale, dolenza uretrale, a volte disturbi della minzione.

Una corretta alimentazione può essere d’aiuto?

 

alimentazione prostatite

Sì, in entrambi i casi l’alimentazione può essere di grande aiuto, per la cronica può addirittura essere risolutiva.

Il fattore scatenante di molte prostatiti è l’alterazione del flusso circolatorio a causa della malattia emorroidaria; inoltre, l’eccessiva espansione del colon adiacente alla prostata, oltre a provocare un dolore pelvico poco identificabile, può determinare una compressione della ghiandola e causare un ulteriore malessere.

Pertanto, la dieta per la prostatite mira a ridurre la sintomatologia e a curare quelli che sono i disturbi legati alla sofferenza del colon ovvero ha il fine di ridurre al minimo l’irritazione della mucosa colica, di aumentare la frequenza e la facilità delle evacuazioni e di prevenire la sintomatologia e la comparsa delle emorroidi; si tratta di un’alimentazione normocalorica ricca in liquidi, povera di grassi animali, ricca di prodotti magri e di facile digestione.

Con la terapia nutrizionale si mira ad aumentare l’apporto di fibra alimentare, ad aumentare l’apporto di acqua, in alcuni casi ad incrementare l’apporto di grassi ‘’buoni’’ e a diminuire i nervini ovvero thè, caffè ed alcolici, a diminuire le scorie e gli agenti irritanti come pepe e spezie e a favorire lo sviluppo della flora batterica in pratica.

alimentazione prostatite

Cibi sì e cibi no:

Bere almeno 2 litri di acqua al giorno

Consumare cereali integrali e legumi decorticati

Consumare 5 porzioni di frutta e verdura

Utilizzare olio extravergine di oliva come condimento

Eliminare bevande alcoliche, caffè, thè, cioccolata e energy drink

Eliminare le spezie piccanti

Ridurre il consumo di alimenti grassi di origine animale

Ovviamente l’alimentazione deve essere personalizzata in base alle esigenze personali, in seguito allo studio della sintomatologia e in seguito alla visita specialistica.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
ernia iatale alimentazione

Ernia iatale: cosa mangiare?

Che cos’è l’ernia iatale? L’ernia iatale è la dislocazione dello stomaco o di una parte di esso al di sopra del diaframma;

Test e analisi disponibili

Nutrizione

Per visita nutrizionale e vIsita nutrizionale sportiva

Endocrinologia

Per visita endocrinologica e ecografia

Test Genetici

Calorometria e bioimpedenziometrico

Test Metabolici Funzionali

Test costo energetico Test vo2max

C.Bogani

Sport Performance Lab