Cerca
Close this search box.

Ci sono cibi che aiutano la memoria?

Mai come in questo periodo dell’anno il cervello ha bisogno di un aiuto per la memoria e la concentrazione.

concentrazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco i cibi che possono esserci di aiuto:

  • il pesce azzurro (sgombri, alici e sardine) è uno degli alimenti più ricchi di omega-3 che sono preziosi per la formazione e l’attività del sistema nervoso centrale;
  • la frutta secca che favorisce le funzioni del cervello e del sistema nervoso e grazie al contenuto di fenilalanina, aiuta a migliorare la memoria e i problemi di depressione;
  • le uova, grazie alla colina, mediatore del sistema nervoso centrale, ha la funzione di migliorare la memoria e capacità di mantenere l’attenzione;
  • il cioccolato fondente ricco in flavonoidi, valido aiuto per la memoria;
  • spinaci per la presenza di luteina, capace di difendere le cellule nervose dall’invecchiamento;
  • i semi di zucca, ricchi in zinco, fondamentale per le funzioni cognitive;
  • le alghe, che sono un vero e proprio super cibo, essendo ricche di iodio sono difatti utili per la salute del sistema nervoso. Inoltre, contengono zinco, minerale importante per le funzioni come pensare, imparare, fare ragionamenti.
  • In più è consigliata la fosfatidilserina, un integratore alimentare che  può essere un aiuto per migliorare la memoria e le funzioni cognitive.
Picture of Susanna Agnello

Susanna Agnello

Laurea con lode presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia le scotte di Siena in Dietistica

Con la tesi sperimentale:
“Analisi dei parametri dello stress ossidativo in pazienti diabetici sottoposti ad un alimentazione ricca di sostanze antiossidanti”.

Laurea Specialistica/ Magistrale presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia in Scienze della Nutrizione Umana presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi, Firenze
Con la tesi sperimentale:
“Valutazione dello stato nutrizionale in pazienti anziani istituzionalizzati ed elaborazione di un piano di intervento nutrizionale sulla base delle nuove conoscenze scientifiche”

Skip to content