Susanna Agnello
Susanna Agnello

Laurea con lode presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia le scotte di Siena in Dietistica. Laurea Specialistica/ Magistrale presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia in Scienze della Nutrizione Umana presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi, Firenze.

Richiedi La Tua Dieta

Crossfit e Alimentazione

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Negli ultimi anni il Crossfit, innovativo sistema di fitness inventato negli anni ‘90 negli Stati Uniti da Greg Glasmann, sta vedendo un costante incremento di atleti.

Gli allenamenti sono ad alta intensità ed effettuati ad intervalli con il fine di ottimizzare le abilità fisiche in ognuno dei dieci domini riconosciuti del fitness: resistenza cardiovascolare e circolatoria, resistenza muscolare, forza, potenza, flessibilità, agilità, coordinazione, equilibrio e precisione.

Da un punto di vista metabolico questa disciplina ha esigenze molto complesse che toccano aspetti nutrizionali differenti.

Vengono prevalentemente attivati il metabolismo anaerobico lattacido e alattacido prediligendo i carboidrati come fonte energetica pertanto è fondamentale aumentare l’affinità con il glucosio.

Un’alimentazione corretta per il Crossfit dovrà quindi fornire l’energia per ottimizzare la performance, le proteine necessarie per lo sviluppo muscolare e dovrà anche contrastare la tendenza all’acidosi.

 

crossfit e alimentazione

 

Cosa consiglia il fondatore del Crossfit riguardo all’alimentazione?

Gres Glasmann, riguardo alla giusta alimentazione per chi pratica Crossfit, ha dichiarato: «mangia carne e verdura, noci e semi, un po’ di frutta, pochi amidi e niente zucchero; mantieni l’apporto calorico ad un livello tale che favorisca l’allenamento ma non l’accumulo di grasso».

Sulle linee dettate da Glasmann gli atleti americani si sono avvicinati alla Paleo-dieta la quale, sconsigliata dalla maggior parte dei nutrizionisti, vieta del tutto pasta, pane, riso, legumi, patate e alimenti contenenti zuccheri, dando molto spazio a frutta secca, verdura cruda, cibi ricchi di proteine come la carne rossa ed acqua pura ed alcalina.

Gli effetti di questo regime alimentare sembrano essere stupefacenti nel breve periodo e devastanti nel lungo con mancanza di energia, spossatezza, apatia e difficoltà a dimagrire.

Ma in Italia quale regime alimentare è necessario seguire?

Nei paesi come il nostro, dove rinunciare alla pasta è veramente difficile, gli atleti hanno adottato come alternativa, la dieta a zona che consiste nel consumare cinque pasti al giorno, con un rateo esatto di 40/30/30 rispettivamente di carboidrati, grassi e proteine suddivisi in blocchi che permettono di concepire e misurare pasti.

È importante mantenere l’equilibrio dei blocchi evitando un regime low-carb il quale diventa spesso iperproteico.

E’ opportuno non eliminare i carboidrati ma assumerli facendo attenzione all’indice glicemico, cercando di cucinare la pasta al dente e accompagnandola con sughi che riducono l’impatto sulla glicemia post-prandiale (il sugo ai funghi o agli asparagi sono due esempi molto validi), mangiando le patate fredde e consumando fibre insieme agli alimenti glucidici.

I benefici di questo regime alimentare sono: rapida rimozione di grasso in eccesso, migliori performance, nessun calo di energia, minori effetti dell’invecchiamento e controllo dell’infiammazione; tuttavia per sfruttare al massimo i vantaggi di questa alimentazione è necessario rispettare la regola del ‘’vietato avere fame’’ cadenzando i pasti per mantenere un livello di insulina costante.

Ad ogni modo, data la complessità della disciplina, è difficile stabilire un regime dietetico che vada sempre bene, sarebbe più opportuno seguire, come i professionisti, un regime alimentare personalizzato sul carico di allenamento, sugli obiettivi dell’atleta e sulle proprie esigenze.

In conclusione, l’alimentazione è un fattore cruciale per garantire il giusto apporto nutrizionale, per avere sufficiente energia per le performance e per ottimizzare il recupero dell’organismo che è messo a dura prova dalla varietà di allenamenti che caratterizzano il Crossfit.

È quindi consigliabile rivolgersi ad un nutrizionista che potrà valutare lo stato di salute dell’atleta e redigere un piano nutrizionale ad hoc, che terrà conto delle peculiarità di ogni sportivo.

Articoli Correlati

tacchino agli agrumi

Ricetta: tacchino agli agrumi

Proprietà del tacchino: Ricca di amminoacidi essenziali, vitamine e minerali specifici, la carne di tacchino appartiene al I° gruppo fondamentale degli alimenti.

alimenti detox

Alimenti detox, quali sono?

Il termine detox è spesso associato a quello di dieta, utilizzato quando si è alla ricerca di alimenti utili a ridurre il

Test e analisi disponibili

Nutrizione

Per visita nutrizionale e vIsita nutrizionale sportiva

Endocrinologia

Per visita endocrinologica e ecografia

Test Genetici

Calorometria e bioimpedenziometrico

Test Metabolici Funzionali

Test costo energetico Test vo2max

C.Bogani

Sport Performance Lab

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio